Cosm'Ethica Production LTD

Furfuribus

Siero/lozione che combatte tutti i tipi di forfora

Calma l’alterato turn-over cellulare; idrata la pelle.

Impedisce la proliferazione di lieviti e funghi; riduce il sebo e ne impedisce l’ossidazione.

Riduce l’infiammazione e il prurito.

qty
Wishlist

Informazioni aggiuntive

Peso N/A
Inci

Furfuribus Inci: Water (Aqua), Alcohol; Propanediol, Zizyphus Joazeiro Bark Extract, Linseed Acid, Glycerin, Tremella Fuciformis (Mushroom) Extract, Undecylenic Acid, Lentinus Edodes Extract, Piroctone Olamine, Copper Pca, Zinc Pca.

La forfora è una alterazione del cuoio capelluto, che si presenta macroscopicamente come scagliette bianche e secche alla base del capello.

Normalmente il ricambio delle cellule epiteliali del cuoio capelluto avviene regolarmente e l’eliminazione delle cellule morte, come desquamazione dei tratti superiori dell’epidermide, si verifica senza problemi; una modestissima presenza di desquamazione è fisiologica.

Quando il ricambio di cellule epiteliali invece è eccessivo, la desquamazione avviene continuamente e in larga scala, molto spesso il ricambio è talmente veloce che le cellule non ancora giunte a completa maturazione vengono spinte nello strato corneo superficiale.

Può essere dovuta e accompagnata da secchezza del cuoio capelluto o eccessiva produzione di sebo, causata dagli ormoni androgeni, tra cui il testosterone, quindi un’irregolarità ghiandolare; in caso di forfora c’è un’alta presenza di Pityrosporum ovale (chiamato anche Malassezia furfur e/o Malassezia globosa), lieviti normalmente presenti sulla cute ma che condizioni come l’eccessiva produzione di sebo, fanno prolificare; poi c’è lo stress, la predisposizione; reazione della pelle a prodotti per capelli come gel o lacca.

Colpisce maggiormente il sesso maschile, generalmente in un’età compresa tra i 12 e i 40 anni. È rara nei bambini e negli anziani.

Colpisce un’alta percentuale di persone; si stima che il 60% della popolazione mondiale ne soffra e provoca imbarazzo e addirittura problemi di autostima in molte persone, tanto che la sua riduzione può essere importante anche solo per ragioni psicologiche.

Se poi la presenza di squame biancastre o giallastre, secche o grasse è piuttosto elevata e continua, si parla di dermatite seborroica.

Furfuribus è composto da sostanze naturali e oligoelementi che, anche a lungo termine, non provocano effetti secondari.

Furfuribus è adatto al cuoio capelluto o ad altre zone, come la barba o il petto, che presentano la stessa alterazione.

Furfuribus va applicato dopo aver risciacquato lo shampoo, prima della asciugatura.

Può essere applicato tutti i giorni anche su capelli non lavati

Potrebbe piacerti anche...

Pensi a qualcosa di diverso?

Facci sapere di cosa hai bisogno!

Passa il mouse

Contattaci

Contattaci 

Le rughe

Le rughe del viso Le rughe sono delle pieghe o dei solchi, tendenzialmente poco graditi, che si formano sulla superficie di pelli rese aride e poco elastiche dall’inesorabile trascorrere del tempo. Consistono in un cedimento delle strutture cutanee causato da una carenza di collagene, dovuta allo stiramento e all’estensione ripetuti di alcune zone della pelle, […]

Tinte, decolorazioni e permanenti; come ridurre i danni ai capelli

SERVIZI TECNICI E DANNI AI CAPELLI COSA SUCCEDE SUI CAPELLI E COME RIDURRE I DANNI CAUSATI DA TINTURE, DECOLORAZIONI E PERMANENTI Il desiderio di cambiare look, giocare con i colori o semplicemente coprire i capelli bianchi o modificarne la forma naturale, da riccio a liscio e da liscio a riccio, è ciò che spinge molte […]

L’ingiallimento dei peli e dei capelli

Peli o capelli ingialliti?! Tutti i peli e i capelli tendono a ingiallirsi ma il fenomeno non si manifesta necessariamente allo stesso modo. Questo si scatena soprattutto nelle stagioni più calde, seppur non è esente in quelle fredde. Per quanto riguarda i capelli grigi o bianchi, va considerato che la melanina, il pigmento proteico naturale […]

Combattere gli eritemi solari

GLI ERITEMI SOLARI Alcune persone, quelle con la pelle più chiara, prima di abbronzarsi si scottano (anche se sono a rischio scottatura tutte le tipologie di pelle), questo perché i raggi UV entrano nell’epidermide dove la produzione di melanina non è sufficiente da proteggere dall’energia e il DNA delle cellule presenti viene danneggiato al punto […]